turnup.biz
benedettanapoli
vena cava

Altro in questa categoria

17 Luglio 2014

10 Maggio 2014

10 Febbraio 2014

26 Agosto 2013

22 Luglio 2013

17 Maggio 2013

6 Maggio 2013

12 Gennaio 2013

23 Novembre 2012

21 Novembre 2012

Un anNO Berlusconi

Il 12 novembre scorso era l’anniversario delle dimissioni (dimissioni…) di Berlusconi. Un anno.
Mentre davo un occhio a La Stampa online, ho trovato un filmato che ripercorreva alcuni avvenimenti di quella giornata, e soprattutto registrava le reazioni della gente per strada a Roma. A parte il fatto che io credo di aver desiderato vivere a Roma solo (con tutto il rispetto per Roma, ma sto bene qua) in occasione delle monetine a Craxi e di questo 12 novembre. La possibilità di scendere un momento di casa e trovarsi al Raphael o a Palazzo Grazioli (oddio, per Roma “scendere un momento di casa e trovarsi” non è proprio l’espressione adatta; ma insomma, è un fatto psicologico) dev’essere impagabile.
Comunque, guardando il filmato mi sono commossa. È pur vero che una volta mi sono commossa anche guardando i Robinson (quindi faccio poco testo), però vedere quelle persone felici, entusiaste, cariche di un’energia rabbiosa ma insieme speranzosa, mi è sembrato proprio bello. Perché era una ventata di vitalità, perché c’era senso di liberazione, perché le persone erano contente; e poi perché mi sono sentita vicina a quelle persone, simile a loro – e non è una cosa facile per me.
Poi, dopo il primo lacrimevole sdilinquimento, mi sono arrabbiata e avvilita – perché quest’anno mi sembra passato invano, perché questo Paese non mi pare stare meglio. E diciamo pure che a me il governo Monti fa voltare lo stomaco – ma assai, non poco.
Certo, non tornerei mai e poi mai indietro, ma il cambiamento che desideravo contemplava una fine di Berlusconi e del suo mondo decisamente più netta. Quello che desideravo era non vederlo né ascoltarlo più (poteva per esempio andare ad Hammamet pure lui; ma magari, se gli dei ci sono propizi, andrà in Kenia con Briatore – chissà), non vedere tutto quello che gli girava e gli gira attorno, quello che significava e significa; non vedere più tutti (tutti) quei politici, parlamentari, sottosegretari e simili – che in questi anni si sono appiattiti e hanno approfittato di quel malcostume (parola soave per la merda di cui stiamo parlando). Non vedere più quel malcostume dilagare in ogni ambiente, in ogni ambito e anfratto della nostra quotidianità.
Lo so: è un sogno; e in ogni caso i cambiamenti hanno bisogno di tempo, ma se ne stanno prendendo troppo. Spesso sento dire che gli ossessionati da Berlusconi (io dovrei figurare tra questi, credo) sono persone fallite o cattive o invidiose, che non hanno altro a cui pensare.
Mi sento di dire ufficialmente che è una stronzata. Ma come fai a non essere ossessionato da uno che ti ha devastato il Paese, e dunque in qualche modo la vita; uno che ha fatto macerie, sporcato, imbruttito, violentato, depredato, umiliato, sfruttato.
Io penso piuttosto che sia sbagliato, colpevole, delittuoso non esserne ossessionati. Bisogna ricordarselo ogni giorno, e ogni giorno essere molto, molto arrabbiati.
Il filmato comunque era questo.

facebook